Medicina Generale III - Gastroenterologia

Reparto
Ambulatorio
Day hospital

Coordinatore Infermieristico

Elzbieta Bigos

Bottani Miriam

Contatti telefonici

02527741

0252774652

 
  • EQUIPE
  • ATTIVITÀ CLINICA

    L’Unità Operativa di Gastroenterologia è stata creata nel Giugno 2005 ed è stata affidata da allora al Prof. Maurizio Vecchi, Professore Associato Professore (Ordinario dal 1 ottobre u.s.) di Gastroenterologia dell’Università degli Studi di Milano. In quel momento l’attività dell’U.O. si limitava ad una peraltro già intensa attività endoscopica (nell’anno 2005: 4876 esami eseguiti con la collaborazione di un contrattista e una consulente). Nel corso degli anni successivi l’U.O. ha ampliato grandemente tutti i tipi di attività già presenti e ne ha intraprese di nuove. Ora l’U.O si avvale dell’opera di un ricercatore universitario a tempo determinato convenzionato con l’IRCCS per l’attività clinica, di 2 contrattisti e di 5 consulenti, 3 dei quali dedicati specificamente ad attività specialistiche part-time (rispettivamente fisiopatologia digestiva, ecoendoscopia, endoscopia operativa delle vie biliari). La segretaria coadiuva tutto il personale medico ed infermieristico nei compiti di organizzazione dell’UO e nella gestione degli appuntamenti per prime visite, nel data managing del progetto regionale di screening del carcinoma colorettale. La progressione negli anni delle attività cliniche espletate dall’UO è riassunta dalle tabelle allegate e dimostra il crescente richiamo clinico che l’UO esercita in tutte le articolazioni della sua attività. Trattandosi tuttavia di un’UO a direzione universitaria, insite nella sua mission sono anche il pieno coinvolgimento in attività di ricerca e lo svolgimento di un’intensa attività didattica. Alla prima sono prevalentemente dedicate due dottoresse laureate rispettivamente in scienze biologiche e in biotecnologie e un’infermiera dedicata che si occupa soprattutto di ricerca clinica e di gestione dei pazienti con MICI. Anche al supporto di questo personale provvede l’attività stessa dell’UO, attraverso i fondi raccolti da finanziamenti istituzionali (Università), da protocolli terapeutici sperimentali, da contributi volontari finalizzati alla ricerca, da donazioni. All’attività didattica, prevalentemente ma non solo focalizzata sul Corso di Semeiotica e patologie degli Apparati II, di cui il prof. Vecchi è coordinatore e in particolare al Corso integrato di Malattie del’apparato digerente è coinvolta tutta l’equipe medica, sia nelle attività di didattica frontale ma soprattutto  nell’attività tutoriale in reparto. L’U.O. è inoltre convenzionata con la Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, di cui ospita uno specializzando a rotazione semestrale ed alla cui attività didattica formale partecipa direttamente. Nel corso di questi anni, inoltre 8 studenti sono stati seguiti nell’esecuzione delle ricerche per la stesura delle tesi di Laurea e 2 per la tesi di Specialità.

    il Reparto di ricovero si occupa dell’attività assistenziale e quindi della diagnosi e del trattamento medico ed endoscopico delle malattie digestive di pazienti che, per gravità delle condizioni generali o complessità del quadro clinico, non possano essere gestiti ambulatorialmente. Tali pazienti possono giungere al reparto sia in regime di urgenza, provenienti da Pronto Soccorso con patologie acute (per esempio sanguinamenti digestivi, pancreatiti acute, colecistiti, diarree acute, diverticoliti acute etc.), sia in regime di elezione.  Le patologie trattate in questo secondo ambito comprendono tutto il tratto digerente ed epato-bilio-pancreatico ed in particolare le malattie infiammatorie croniche intestinali per le quali il nostro centro è riconosciuto a livello nazionale ed internazionale. I pazienti ricoverati presentano spesso quadri complessi, dovuti alle comorbidità e al fatto che l’IRCCS rappresenta un centro di riferimento per numerose patologie. E’ quindi spesso richiesto un approccio multidisciplinare e allo steso tempo individualizzato per una gestione del caso che sia al contempo efficace e ottimale. Il reparto di degenza ha nominalmente a disposizione 6 posti letto ma il rate di occupazione è altissimo con lunghi periodi in cui i pazienti ricoverati sono più di 10. I medici sono coadiuvati da figure altamente qualificate come infermieri professionali esperti nell’utilizzo delle più moderne terapie e tecniche diagnostiche. La degenza è inoltre affiancata dall’attività di macroattività ambulatoriale (3 letti settimanali) ad alta complessità assistenziale, per esami diagnostici ed operativi eventualmente eseguiti in sedazione profonda o in pazienti considerati ad alto rischio di complicanze nonché per terapie parenterali. Nel corso dei primi 6 mesi dell’anno 2015 l’UO ha eseguito 172 ricoveri.

  • ATTIVITÀ AMBULATORIALE

    Visite ambulatoriali: L’attività ambulatoriale si occupa dell’inquadramento di varie condizioni cliniche con richiamo gastrointestinale, come la stipsi, la diarrea, il dolore addominale, la pirosi, la dispepsia, l’anemia, l’ittero, e della gestione medica di pazienti con svariate patologie dell’apparato gastrointestinale, dalla sindrome dell’intestino irritabile alla malattia da reflusso gastro-esofageo, dalla patologia peptica alle malattie infiammatorie croniche intestinali, dalla celiachia alla malattia diverticolare. Dopo l’iniziale inquadramento clinico, il paziente viene indirizzato  verso un percorso diagnostico e terapeutico personalizzato. Speciale interesse della nostra équipe è costituito dalla diagnosi e dalla terapia delle malattie infiammatorie croniche intestinali, la malattia di Crohn e la colite ulcerosa; infatti, l’Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva della nostra struttura è nota a livello internazionale ed è considerata uno dei maggiori centri di riferimento a livello nazionale. Peraltro, la malattia di Crohn e la colite ulcerosa rappresentano anche uno dei maggiori argomenti di ricerca clinica e di scienze di base dell’unità operativa. Nel corso dei primi 6 mesi dell’anno 2015 l’UO ha eseguito 1350 visite specialistiche.

    Endoscopia: Il 95% delle procedure è rappresentato da esofago-gastro-duodeno-scopie e colonscopie in sedazione cosciente. In casi selezionati e preventivamente valutati dal personale medico specialista vengono inoltre eseguite procedure endoscopiche mirate quali l’enteroscopia con video-capsula, l’eco-endoscopia con sonda lineare, la colangio-pancreato-grafia retrograda per via endoscopica o procedure endoscopiche in sedazione profonda con assistenza anestesiologica. Le indagini endoscopiche sono eseguite da una équipe di operatori altamente qualificati in Endoscopia Digestiva diagnostica e interventistica (e.g. polipectomie, mucosectomie, stenting, terapie emostatiche) composta da specialisti in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva e da medici specialisti in Chirurgia Generale/Chirrgia dell’apparato digerente. I medici sono coadiuvati da un’equipe di infermieri caratterizzati da ottima esperienza e da passione per il lavoro. La struttura dispone di due sale endoscopiche attrezzate con strumentazioni di ultimissima generazione, dotate di immagini in alta definizione e di cromo-endoscopia digitale, una tecnica che consente in tempo reale l’acquisizione di immagini elaborate che consentono di cogliere dettagli utili per una più raffinata interpretazione delle immagini endoscopiche. Tali tecniche di imaging endoscopico avanzato sono particolarmente utili nella diagnosi e nella caratterizzazione delle lesioni pre-neoplastiche e delle malattie infiammatorie croniche intestinali. Una terza sala, dipendente dall’UO di radiodiagnostica,  viene utilizzata part-time per l’esecuzione di colangio-pancreato-grafie retrograde per via endoscopica. Il servizio di endoscopia digestiva assicura inoltre una completa (24 ore su 24, 7 giorni su 7) attività di pronta reperibilità per tutti i casi che abbiano necessità di esami endoscopici urgenti. Nel corso dei primi 6 mesi dell’anno 2015  l’UO ha eseguito 3582 endoscopie diagnostiche e operative

    Test di fisiopatologia: L’Ambulatorio di Fisiopatologia Digestiva, ove vengono eseguite manometrie esofagee, pHmetrie esofagee delle 24 ore e pHimpedenziometrie esofagee delle 24 ore per lo studio della motilità esofagea e del reflusso gastroesofageo e manometrie anorettali per lo studio della motilità dell’ano-retto, è riconosciuto dal 2013 come Centro Italiano di Studio della Motilità Digestiva dal GISMAD (Gruppo Italiano per lo Studio della Motilità dell’Apparato Digerente).  A completamento dello studio dell’ano-retto, da alcuni mesi viene effettuata l’ecografia dell’apparato sfinteriale mediante sonda rotante a 360°. Questi esami oltre a dare un quadro completo della fisiopatologia di numerose patologie dell’apparato digerente, sono ritenuti indispensabili per una più completa valutazione pre-operatoria (p.e. per interventi per acalasia esofagea, ernia jatale, rettocele, prolasso rettale, fistole e ascessi perianali, etc) e per l’indicazione ad eventuale trattamento riabilitativo nei casi di incontinenza fecale e/o stipsi con defecazione ostruita. Nello stesso ambito vengono eseguiti breath tests al carbonio 13  e all’idrogeno per la ricerca dell’infezione gastrica da Helicobacter pylori, per lo studio del malassorbimento di lattosio, per la valutazione del transito oro-ciecale e per la ricerca di sovraccrescita batterica intestinale. Nel corso dei primi 6 mesi dell’anno 2015 l’UO ha eseguito 547 Test di fisiopatologia.

     

  • RICERCA

    Partecipazione a protocolli di ricerca terapeutici o non. In questi anni l’U.O. ha preso parte a 14 protocolli di ricerca internazionali e 15 nazionali.

    Finanziamenti ottenuti. Nel corso di questi anni la U.O. ha ottenuto alcuni finanziamenti da Istituzionali Nazionali. In particolare due PRIN dal MIUR (uno come centro coordinatore), due da UNIMI, un progetto IRCCS, uno da UNIBO.

    Pubblicazioni. Nel corso di questi anni i membri della UO hanno pubblicato 51 lavori recensiti su riviste dotate di impact factor, con un IF totale di 407.52 e IF Medio: 6.907.

    Attuali filoni di ricerca. Il laboratorio di Ricerca dell’U.O.  è coinvolto in una serie di attività di ricerca di base e collabora attivamente con altre Università italiane e straniere.

    I progetti in corso sono principalmente i seguenti:

    • Ruolo di Interleuchina 33 nello sviluppo della gastrite, nella proliferazione delle cellule epiteliali e nel cancro dello stomaco;

    • Modulazione dell’espressione di miR-210 nella gastrite;

    • IFI16 un’allarmina che propaga l’infiammazione nelle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali e suo potenziale ruolo di biomarker di malattia e risposta alla terapia;

    • Utilizzo della termografia associata alle tecniche radiologiche per lo studio della Malattia di Crohn;

    • Studio dei fenomeni trombotici nelle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali

    • Sviluppo e studio di tecniche endoscopiche diagnostiche ed operative d’avanguardia

    Il laboratorio inoltre è coinvolto in studi multicentrici sponsorizzati da aziende farmaceutiche per l’ottimizzazione e la valutazione terapeutica di nuovi farmaci sperimentali.

    Le attività di ricerca sono in parte eseguite in collaborazione con varie Istituzioni e Università estere, tra cui in particolare:

    • Case Western Reserve University, Cleveland, OH, USA
    • Cleveland Clinic, OH, USA,
    • Robert Wood Johnson Medical School, New Brunswick, NJ, USA
    • University of Erlangen-Nuremberg, Erlangen, Germany.

  • CONVEGNI

    In questi anni la U.O. ha organizzato nella sede dell’Ospedale o in altre strutture 25 eventi, tra corsi, convegni, letture. Di questi, 7 hanno coinvolto relatori stranieri provenienti dalle più prestigiose strutture Universitarie o Ospedaliere del mondo.

X