Cardiologia Universitaria

Responsabile: Prof. Marco Guazzi

Reparto
Ambulatorio

Coordinatore Infermieristico

Elzbieta Bigos (Reparto)

Anna Maria Corsaro (Ambulatori)

Contatti telefonici

02527741

 
  • EQUIPE
  • ATTIVITÀ CLINICA

    Unità Operativa Complessa di Cardiologia le cui prestazioni di degenza si focalizzano sulle seguenti tipologie di condizioni morbose:

    • Insufficienza cardiaca e cardiomiopatie
    • Cardiopatia ischemica
    • Ipertensione polmonare
    • Valvulopatie
    • Ipertensione arteriosa

    Laboratorio Cardiopolmonare e Imaging (700 test cardiopolmonari/anno, 400 echo stress, 200 valutazioni di prove di funzionalità respiratoria e diffusione alveolo-capillare).

  • ATTIVITÀ AMBULATORIALE

    Nell’ambito dell’assistenza ambulatoriale si eseguono un totale di 1200 prestazioni annue di cui 700 circa sono prime visite

    Le prestazioni strumentali si basano sull’erogazione di 1000 esami ecocardiografici annui di cui 400 durante stress (esercizio). Oltre a questo, il personale dell’Unità Operativa

    800 test cardiopolmonari con analisi dei gas espirati e quantificazione del consumo di ossigeno e della risposta ventilatoria da sforzo all’anno

    200 spirometrie/annue

    100 misure della diffusione alveolare

    Attività da luglio 2012 a luglio 2015:

    • Totale visite: 1180

    • Visite (prima): 674

    • Visite (controllo):553

    • ECG: 805

  • ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA

    Nell’ambito delle attività didattica, le persone afferenti all’Unità Operativa sono coinvolte nella parte di insegnamento frontale e professionalizzante per:

    • Studenti del 3°,4°,5° e 6° anno dell’Area Medica dell’Università di Medicina e Chirurgia
    • Studenti del 1° e 2° anno dell’area Scienze Motorie
    • Specializzandi in Cardiologia
    • Specializzandi in Medicina dello Sport

     

     

     

     

     

     

     

     

  • RICERCA

    L’attività di ricerca è iniziata negli anni pre-laurea ed è continuata senza interruzione fino ai tempi attuali. Ad essa collabora un gruppo di giovani ricercatori che si è coagulato negli ultimi anni.

    Le competenze del gruppo si finalizzano in un’attività scientifica florida riguardante tematiche inerenti sia agli aspetti di prevenzione cardiovascolare sia ai meccanismi eziopatogenetici e fisiopatologici alla base delle patologie cardiache con lo studio di nuovi metodi di cura e follow-up del malato cardiaco cronico.

    In particolare, i principali temi di ricerca sono:

    • Studio dei fattori coinvolti nell’intolleranza allo sforzo del malato con insufficienza cardiaca sia di origine sistolica che diastolica e della via finale comune responsabile della dispnea cardiaca associando lo studio dell’emodinamica polmonare a quella dell’analisi dei gas espirati.

    In questo contesto, l’esperienza è andata via via a permettere di promuovere un algoritmo di classificazione adottato a livello internazionale (Circulation 2007;115:2410-7) e di coordinare e stilare le Linee Guida di riferimento dellaSocietà Europea di Cardiologia in unione con l’American Heart Association (Circulation 2012;126:2261-74, Eur Heart J 2012;33:2917-27, Circulation 2015, in press).

     

    • Studio di modalità di intervento che permettano di organizzare e promuovere strategie di prevenzione cardiovascolare e stili di vita appropriati. Anche in questo caso giungendo a creare documenti di consenso tra esperti della Società Europea di Cardiologia e dell’American Heart Association (Eur Heart J 2015;36:2097-2109).

     

    • Identificazione e proposta di nuove forme di terapia dell’ipertensione polmonare e della disfunzione ventricolare destra nel malato cardiaco, con particolare interesse per la via di azione dell’ossido nitroso (Circulation 2011;124:164-174, Circ Heart Fail 2011;4:8-17).

     

    • Proposta di algoritmi classificativi dell’ipertensione polmonare di Gruppo 2 (Circulation 2012;126:2261-74, Circ Heart Fail 2014;72:367-77)

     

    • Studio della fisiopatolgia e timing chirurgico delle valvulopatie, in particolare dell’insufficienza mitralica funzionale e della stenosi aortica (Circ Heart Fail 2014;7:782-90).

X